Sassari è la seconda città della Sardegna per dimensioni e numero di abitanti (circa 120.000).
Il centro storico è caratterizzato da vicoli lastricati, archi e sottopassaggi e piccole piazze, dove si affacciano splendidi palazzi. La parte antica della città era protetta da una cinta muraria, iniziata nel XIII sec. dai pisani, ripresa dai genovesi e modificata dagli aragonesi.

Nel 1330 venne edificato il Castello Aragonese, in seguito demolito nel 1877 per la costruzione della Caserma Lamarmora.

Sassari continuò a mantenere il tipico aspetto di città medioevale fino alla metà dell'800, quando il processo di espansione urbanistica costrinse a rinunciare alla cinta muraria, della quale però restano tuttora molte tracce.

Tra i tanti monumenti da visitare ricordiamo:

- la Cattedrale di San Nicola , del XII secolo;

- la chiesa della Trinità (1640);

- la chiesa e il chiostro di Santa Maria di Betlem , del XIII secolo;

- Corso Vittorio Emanuele II , via principale del centro storico, con numerosi negozi e antichi palazzi;

- la bellissima fontana di Rosello , costruita da artisti genovesi nel 1606;

- Piazza d'Italia , realizzata nel 1872 su una superficie di 1 ettaro, è circondata da diversi palazzi in stile liberty. Qui si affacciano il Palazzo Giordano, in stile neogotico, e il bellissimo Palazzo della Provincia del 1880 in stile neoclassico.

- il Palazzo Ducale , dove ha sede il municipio , il palazzo dell' Università di Sassari , costruito tra il 1611 ed il 1651, i palazzi del periodo umbertino (XIX secolo).