È la chiesa romanica più famosa della Sardegna. Si trova a soli 16 km da Sassari, nel territorio comunale di Codrongianus ed è costruita con blocchi basaltici scuri alternati a blocchi di calcare bianco. La facciata ha due ordini di arcate con decorazioni in pietra e ceramica mentre il campanile, alto 40 metri, completa un meraviglioso complesso architettonico di grande equilibrio.
La chiesa divenne una delle badie più celebri dei monaci camaldolesi fino all'inizio del XV secolo; in seguito fu affidata alla conduzione di un abate commendatario.


Curiosità: dalle preghiere di una mucca .

Sull'origine del nome "Saccargia", sono state tramandate diverse leggende.
La più curiosa narra di una mucca pezzata di bianco e nero che ogni giorno si spostava dal pascolo e offriva il suo latte ai frati di un convento, inginocchiandosi sul dorso in atteggiamento di preghiera. La chiesa nasce proprio sul luogo di preghiera della mucca. Da qui la dizione "sa acca argia" che significa "la vacca dal pelo maculato". Probabilmente non è quindi un caso che scolpita nei capitelli del loggiato superiore ci sia proprio l'immagine di una mucca!